Era il 1969 quando per la prima volta nella storia a New York la comunità LGBTQI* decise di reagire ai soprusi e alle violenze. I Moti dello Stonewall Inn segnarono un nuovo inizio nella storia delle rivendicazioni per i diritti civili. Oggi a distanza di anni in tutto il mondo si ricorda quanto successo con la stagione dei Pride (propriamente orgoglio, quello verso la libertà di poter essere se stessi).
Possibile si è schierato apertamente a sostegno delle battaglie per il riconoscimento dei diritti civili delle persone LGBTQI* e per il contrasto alle violenze ed alle discriminazioni per promuovere una cultura del rispetto e dell’uguaglianza sulla quale rifondare la nostra società. In un periodo di forte crisi economica e sociale crediamo che sia fondamentale unirsi per arginare ogni fenomeno di odio e discriminazione in maniera particolare sia nelle sue derivazioni di bullismo o di discriminazione istituzionale.
Per questi motivi senza alcun dubbio o esitazione anche nella stagione dei Pride aderiamo alle manifestazioni indette dalla comunità LGBTQI* e daremo tutto il nostro sostegno alle battaglie e alle rivendicazioni che fanno parte anche delle nostre rivendicazioni come partito politico. Inoltre ribadiamo la nostra piena disponibilità a livello nazionale e territoriali a confrontarci con tutte le realtà del movimento LGBTQI* per costruire sinergie e percorsi comuni con i quali rilanciare la sfida per la costruzione di un paese più giusto ed egualitario dove ognuno sia libero di autodeterminarsi e allo stesso tempo sia tutelato nella propria dignità e nel rispetto dei diritti fondamentali che spettano ad ognuno di noi in quanto esseri umani.
La battaglia per i diritti civili non è la battaglia di una minoranza, in questo caso della comunità LGBTQI*, ma è, per noi, una battaglia di tutte e tutti. Anche per questo stiamo organizzando in tutta Italia momenti di confronto su questi temi.
Per questo motivo, i Comitati di POSSIBILE Alex Langer e Rosa Parks della Provincia di Varese aderiranno convintamente alla Varese Pride.

Commenti

commenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *