Vai al contenuto

Collettiva*

    Riteniamo che la lotta alle discriminazioni e la valorizzazione di tutte le differenze debbano essere una priorità del nostro agire collettivo, non solo per una questione di giustizia e rispetto nei confronti di tutte le persone che abitano la città, ma anche per sbloccare l’immenso patrimonio sociale, culturale, economico, di idee e di impegno collettivo che potrebbe derivare dal mettere a sistema la diversità in ogni sua forma.

    L’obiettivo di migliorare la vita di chi abita Varese non può essere raggiunto se, ancora oggi nel 2021, alcune persone vengono discriminate e limitate, in maniera più o meno esplicita, nel loro accesso e uso dei servizi, nel mercato del lavoro e in generale nel sistema di opportunità del vivere comune. Parliamo di donne, della comunità LGBTQ+, delle persone disabili, immigrate e di tutti coloro che si sentono ai margini del vivere sociale.

    Sebbene negli ultimi anni siano già stati fatti molti passi avanti in tal senso, siamo convinti che Varese debba fare un ulteriore sforzo, politico e di sensibilizzazione culturale, e prendere posizioni più nette per garantire che un numero sempre maggiore di persone possa sentirsi davvero accolto dal nostro territorio.

    Per tutti questi motivi aderiamo convintamente al Varese Pride 2022.